Palline vaginali, l’esperienza dell’Oriente

0

Chi ha detto che le palline vaginali siano solo uno strumento di piacere? Sapevate che in Oriente, dove sono state create, esse vengono considerate alla stregua di uno strumento medico? Ebbene si, queste biglie di forme e dimensioni variabili collegate da una cordicella, possono essere utilizzate non solo per il proprio piacere personale ma anche per ridare tono ai muscoli interni della vagina, prolungandone il ringiovanimento cellulare.

Non c’è da stupirsi dunque se sono molti i ginecologi moderni che ne consigliano l’uso, soprattutto a quelle pazienti che devono eseguire gli esercizi di Kegel dopo una gravidanza o un’ operazione. Le palline vaginali, anche dette sfere di geisha, sono dunque uno strumento da non sottovalutare che può regalare sia un intenso piacere ma anche fare bene alla salute.

 

Come funzionano le palline vaginali

Se siete fan di “50 Sfumature di Grigio” ricorderete sicuramente la scena il cui l’affascinante mr. Grey, gioca con l’ innocente Anastasia usando proprio queste sfere. Il principio di funzionamento è piuttosto semplice quanto ingegnoso: al loro interno sono racchiuse delle biglie d’acciaio, quando le palline vaginali vengono inserite, queste biglie si muovono e producono vibrazioni che stimolano le pareti della vagina.

I movimenti delle biglie sono indotti dalla semplice forza di gravità, non vi sono dunque meccanismi ne batterie che le azionano, ma semplicemente il vostro movimento. Esse possono essere impiegate in uno svariato numero di giochi erotici, solitari o in compagnia del partner, oltre che per eseguire esercizi atti alla stimolazione dei muscoli vaginali in fase di riabilitazione.

Insomma siamo di fronte ad un giochino che non è un misero strumento di piacere ma che, come abbiamo visto, è in grado di donare reali benefici anche alla vostra salute. Se desiderate provarle poco più su abbiamo riportato un link a cui potrete acquistare il modello più consono alle vostre esigenze.

Share.

About Author

Leave A Reply